Skip to content

Pieve del

MONTALBANO

L’importanza geografica del Montalbano risiede nel suo estendersi tra i territori di Pistoia, Firenze e Prato, un’area così estesa e ramificata che finì per essere inclusa in Diocesi diverse: Pistoia, Pescia, Lucca e San Miniato. Durante il medioevo la Diocesi pistoiese ebbe un grande rilievo sull’intera area, il Vescovo di Pistoia era in assoluto più potente di quello lucchese, sia per ampiezza del territorio su cui esercitava la propria giurisdizione, sia per ricchezza e prestigio del comune locale.

L’iniziale peso pistoiese cedette dal XV secolo in poi il passo alla sempre più potente Firenze, soprattutto col pontificato di Leone X, papa Medici. Un territorio così ricco di storia ha fatto sì che si costellasse di pievi, importanti baluardi religiosi che configurano tutt’oggi il paesaggio del Montalbano.

PUNTI DI INTERESSE

La pieve dei Santi Maria e Leonardo è attestata già nel 998, inizialmente recava il solo nome di Santa Maria, poi, alla metà del Cinquecento, verrà aggiunto il titolo di San Leonardo. L’impianto dell’edificio ha subito delle modifiche nel corso dei secoli, degna di nota è la parte terminale della pieve: tre absidi ornate da archetti ciechi su lesene, che secondo recenti studio sarebbe databile all’XI secolo.

L’interno è caratterizzato da tre navate, divise da archi a tutto sesto, e da una copertura a volte a crociera trecentesche che coprono l’antico soffitto a capriate.

Indirizzo : Via della Chiesa, 5 – 59015 Artimino
Parroco : Don Cristiano D’Angelo
mail: [email protected]

Orario Messe
Festivi : 11.30

Santo Stefano nacque come pieve castellana di Serravalle nel XIII secolo. All’esterno la pieve si configura con una facciata estremamente semplice, caratterizzata da pietra calcarea bianca, saldata con quella che una volta era una torre, oggi campanile, della rocca.

L’interno è stato probabilmente ampliato nel corso di secoli, aggiornato nel XVI secolo per seguire i nuovi dettami tridentini, qua è custodita una terracotta invetriata, attribuita a Santi Buglioni, raffigurante San Ludovico da Tolosa, che reca in mano un modellino del castello di Serravalle.

Indirizzo : Piazza S. Stefano 1 – 51030 Serravalle P.se (Pt)
Telefono : 0573 51497
Parroco : Jakubczak Don Stanislaw

Orario messe
Festivi: ore 11.00

La pieve a Sant’Ansano in Geti, conosciuta fin dal 998, nasce tra il confine di Lucca e Firenze, rappresentando una sorta di avamposto della Diocesi di Pistoia. L’edificio è stato ricostruito ed ampliato tra l’XI e il XII secolo, sono gli anni di grande splendore della chiesa.

La sua importanza andrà diminuendo, così alla fine del Quattrocento, a causa dello spopolamento delle campagne, la pieve passò sotto il patronato dei monaci della Certosa fiorentina del Galluzzo, rimase tale fino al 1808, divenendo una grangia della Certosa. La facciata negli anni Quaranta del Novecento presentava ancora un porticato, poi abbattuto per riproporre un recupero dell’edificio medievale.

Indirizzo : Via della Chiesa 74 – 50059 Vinci (Fi)
Telefono : 0571 584112
Mail: [email protected]
Parroco : don Renato Bellini

La pieve è documentata dalla prima metà del XII secolo, si colloca sulle pendici del Montalbano e nei pressi dell’Arno. È stata oggetto di rifacimenti tra Sette e Ottocento, che la privarono della sua veste romanica, assumento così un aspetto sobrio sia all’esterno che al suo interno. 

Adiacente alla chiesa si colloca l’Oratorio della Santissima Trinità, citato già nel Cinquecento, estremamente ricco: accoglie una tavola di Giovan Battista Naldini, allievo del Pontorno, raffigurante una Santissima Trinità con donatore (1566 ca.); venne inoltre abbellito nel Settecento con pregiate pitture murarie, un ciclo di affreschi attribuito a Giuseppe Gricci.

Indirizzo : Piazza Don Valiani, 1 – 50050 Limite sull’Arno (Fi)
Telefono : 0571 57027
Mail : [email protected]
Parroco : Sgrilli Don Franco

Orario Messe (In vigore dal 7 Novembre fino al 31 Maggio)
Festivi : Sabato ore 17:00 (Pieve); Domenica ore 9:00 (San Lorenzo); ore 11:00 (Pieve); ore 17:00 (Pieve).
Feriali : ore 17:00 (Pieve); Mercoledì ore 17:00 (San Lorenzo).

San Bartolomeo è arroccata sul crinale di una propaggine nord-orietale del Montalbano, punto di osservazione strategico sulla piana di Pistoia, Firenze e Prato. La pieve è databile al XII secolo, il suo aspetto ha tuttavia subito radicali trasformazioni tra Sei e Settecento, la sola struttura del campanile risulta essere stata meno rimaneggiata, queste in origine era la torre di guardia del castello.

Nel 1797 la chiesa fu dotata di una cantoria in controfacciata, sulla quale fu posto un organo realizzato da Luigi e Benedetto Tranci, fu probabilmente in quest’occasione che venne realizzato il porticato a tre arcate, dando alla facciata un aspetto neo-classico.

Indirizzo : Via Vecchia Fiorentina II tronco 271 /A – 51030 Catena (Pt)
Telefono : 0573 73332
Mail : [email protected]
Parroco : Marini Don Marino

Orario Messe
Festivi (a Tizzana) : 9.30

La pieve della Ferruccia è attestata per la prima volta nel 1357, nacque come chiesa sottoposta alla pieve di Montemagno, elevata infine al suo attuale grado nel 1648. Il volto medievale col tempo è stato modificato, venne infatti ricostruito nella metà del XVII secolo, successivamente allungato e rialzato nell’Ottocento.

Nel presbiterio si staglia un dipinto raffigurante l’Assunzione della Vergine, della metà del XVII secolo circa, attribuito a Giovanni Martinelli. I locali della sua canonica ospitano il Museo Diocesano della Ferruccia, che rivela i tesori appartenenti alla pieve.

Indirizzo : Via Brana 270 – 51030 Ferruccia (Pt)
Telefono : 0573 718163
Mail : [email protected]
Parroco: Don Marius Vorga

Orario messe
Feriali: ore 7.20
Domenica: 8.00 – 11.00

La pieve di San Giovani, disposta in posizione dominante sul paese di Montemagno, è stata menzionata la prima volta nel 1132, sarà fino al Seicento, assieme alla pieve di Santa Maria Assunta di Quarrata, una delle circoscrizioni ecclesiastiche di riferimento per il territorio. Verosimilmente la pieve nacque con una navata unica absidata, poi modificata a partire dal Cinquecento e in modo più sostanziale nel XVII secolo. Al suo interno è custodita un’opera del pittore lucchese Gerolamo Scaglia (1620 circa-1686), la Trasfigurazione sul monte Tabor.

Indirizzo : Via Di Montemagno 13 – 51030 Quarrata (Pt)
Telefono : 0573 735195
Parroco: p. Luigi Procopio

Orari messe
Feriali : ore 18.00
Sabato : ore 18.00
Festivi : ore 10.30

La pieve è ciò che resta del complesso castellano di Vinacciano, citata per la prima volta nel 1134. Nasce come ampliamento del vecchio oratorio dedicato a Santa Lucia, le tracce di quest’ultimo si possono ancora riscontrare nella parete esterna dell’abside.

Nel 1576 venne edificato un porticato con tre arcate a sesto ribassato, poi, come molte del pistoiese, vennero svolti una serie di interventi di ammodernamento tra il Sei e il Settecento.

Indirizzo : Via Collina – Vinacciano -51030 Pontelungo (Pt)
Parroco : Chalupczak Don Tomasz
Mail: [email protected]

Orario messe
Festivi: ore 10.00

La pieve di Casalguidi è ricordata del 1132, si trovava all’interno del castello in cui il vescovo di Pistoia aveva “corte”. Il castello nel corso nel Trecento è stato coinvolto nelle azioni belliche che contrapponevano Pistoia, Firenze e Lucca, nonché nelle guerre tra le frazioni dei Panciatichi e dei Cancellieri.

La pieve subì delle modifiche nel suo assetto strutturale e nel suo arredo dal XVI fino al XVIII secolo, tra cui il portico, realizzato nel corso del Seicento.

Indirizzo : Piazza Gramsci 2 – 51034 Casalguidi (Pt)
Telefono : 0573 527014
Parroco : don Andrea Mati
Vicario parrocchiale: Don Florien Kazubwenge

Orario messe
Feriali: ore 17.00
Prefestiva: ore 17.00
Festivi: ore 7.30 – 10.00 – 11.15 – 17.30

La pieve di Lamporecchio viene citata per la prima volta nel 998, ebbe una storia travagliata: nasce all’interno del castello, posto assai più a monte dell’attuale paese, poi ricostruita più a valle nel XIV secolo, per essere infine demolita alla fine dell’Ottocento a favore di una nuova chiesa a tre navate su disegno dell’architetto Bernardini di Pescia.

La pieve custodisce un pregiato bassorilievo di Giovanni della Robbia, raffigurante la Visitazione  tra i Santi Rocco e Sebastiano.

Indirizzo : Via Santo Stefano, 4 – 51035 Lamporecchio (Pt)
Telefono : 339 8998282
Mail : [email protected]
Parroco : Don Mattia Klimek

Orario Messe
Feriali (ottobre-aprile): lunedì ore 8.00 – martedì-venerdì: ore 16.30
Festivi (ottobre-maggio): ore 11.00

La pieve di Quarrata venne ricostruita tra il 1871 e il 1874 su progetto dell’architetto Bernardo Bernardini di Pescia, la suo origine è però più antica, venne infatti citata per la prima volta nel 998.

L’edificio racchiude opere di interesse storico-artistico, come l’organo di Luigi e Filippo Tronci (XIX secolo) e diverse pitture, tra quest’ultime si segnalano due opere di Alessio Gimignani, padre di Giacinto, la Madonna della cintola con i Santi e l’Ultima Cena, quest’ultima custodita invece nell’altare dell’oratorio della Compagnia del Corpus Domini.

Indirizzo : Piazza della Chiesa, 3 – 51039 Quarrata (Pt)
Telefono : 0573 72125
Mail: [email protected]
Parroco : Don Fulvio Baldi

Orario messe
Feriali : 8.30
Festivi : 7.30 – 11 – 18.30
Sabato : 18.30